Accesso ai servizi

Vegetazione e morfologia

Vegetazione e morfologia


La natura dei terreni si è rilevata straordinariamente vocata alla coltura della vite. Si spiega così l'estesa copertura dei vigneti che si susseguono a perdita d'occhio da ovest ad est in tutto il versante nord del territorio ma che ricoprono anche vaste plaghe della grande area a sud del corso del Belbo.
La più consistente area boschiva s'incontra in questo settore, intorno alla località Soperga, con prolungamenti verso la località Falchetto. Sono boschi di latifoglie (ceduo di castagno e farnia le essenze prevalenti), con rari esemplari di pino silvestre. Tra le colture agrarie, a parte la vite, che copre il 45% dell'intero territorio comunale, una certa diffusione hanno i noccioleti.
Un rapido cenno all'assetto corografico del territorio – che iniziamo dall'area di nord-ovest – ci porta ad osservare che a sud della strada che raggiunge Valdivilla, si diramano digradando verso sud tendendo al rio proveniente da Camo, numerose vallette.
Analogamente, da Valdivilla verso ovest le vallette si sviluppano scendendo verso nord. Nell'area centro-settentrionale, configurazione simile mostrano le colline che digradano verso il Belbo, a sud, e verso il Tinella, a est. Il settore centro-meridionale è invece caratterizzato – specie a sud dell'abitato – da sistemi collinari e vallivi che si sviluppano, crescendo di quota, in direzione ovest/sud-est, incisi da piccoli corsi d'acqua (rii Acquafredda, dei Carnali, Traschetto), per digradare verso la valle della Rocchea, che segna per lungo tratto il confine sud-est del territorio comunale.
Configurazione pianeggiante hanno i terreni che da ambo i lati fiancheggiano il corso del Belbo e sui quali poggiano il concentrico, la località Stazione a nord-est, la località La Piana ad est.